prodotti kinder ferrero rischio salmonella uova kinder ovetti kinder schoko bons

Chiude a scopo precauzionale lo stabilimento produttivo della Kinder Ferrero ad Arlon, in Belgio, dopo l’esplosione di alcuni focolai di salmonella in Francia e nel Regno Unito. A comunicarlo sono i vertici dell’azienda attraverso un comunicato.

Rischio salmonella, chiuso stabilimento Kinder Ferrero in Belgio

A disporre lo stop temporaneo alle attività della fabbrica belga l’autorità per la sicurezza alimentare belga (Afsca), che ha accusato Ferrero di aver fornito informazioni incomplete.  «Dopo aver condotto le nostre indagini – si legge in una nota dell’Afsca -, e a seguito delle scoperte effettuate nelle scorse ore riguardo l’incompletezza delle informazioni fornite da Ferrero, l’Agenzia ritira oggi l’autorizzazione a produrre alla fabbrica di Arlon».

Richiamati anche i prodotti Kinder usciti dalla fabbrica, tra cui i famosi ovetti Kinder. Al momento non c’è nessuna correlazione dimostrata tra i casi di salmonellosi documentati in alcuni paesi europei e la produzione Ferrero. Il batterio avrebbe colpito, nell’ambito di uno stesso focolaio, 60 persone nel Regno Unito e 15 in Francia. Tra questi ultimi cui, ci sono persone che hanno mangiato prodotti Kinder.

Ovetti kinder ritirati in Inghilterra

Il ritiro dei prodotti ha interessato anche il mercato britannico. Richiamati gli ovetti Kinder Surprise singole e multipack. In Italia, invece, il ritiro ha riguardato esclusivamente determinati lotti di Kinder Schoko-Bons con scadenza tra il 28 maggio e il 19 agosto 2022. Non gli ovetti Kinder.

Il colosso dolciario piemontese, in una nota, per sgombrare il campo da equivoci, ha puntualizzato che «ad oggi, nessun prodotto analizzato sui mercati coinvolti dal richiamo è risultato contaminato da salmonella». In una nota divulgata in occasione del ritiro in Italia si legge che si è trattato di una decisione «volontaria e precauzionale, in linea con i valori che da sempre guidano il Gruppo Ferrero, quali la massima priorità alla tutela del consumatore, alla qualità e alla sicurezza alimentare dei propri prodotti».

L’azienda ha invitato i consumatori che avessero acquistato questo tipo di prodotti a non consumarlo e contattare il numero verde. Precisava anche che «tutti gli altri prodotti Ferrero, compresi i Kinder dedicati alla Pasqua e tutte le caratterizzazioni della ricorrenza pasquale, non sono coinvolti dal richiamo».

Nessun rischio salmonella per le uova Kinder pasquali

Non ci sono dunque provvedimenti di richiamo che abbiano ad oggetto le uova Kinder, uno dei prodotti più acquistati in occasione delle festività pasquali. Nessuno uovo al cioccolato risulta ritirato e non c’è alcun rischio di salmonella. Questo perché quasi tutti i beni della Ferrero distribuiti in Italia provengono dallo stabilimento di Alba, in Piemonte. Lo stabilimento invece finito sotto i riflettori è quello di Arlon, in Belgio.

continua a leggere su Teleclubitalia.it