bullismo gragnano arrestati 5 minorenni

Erano il terrore dei loro coetanei. Alle prime ore di questa mattina, i carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia hanno arrestato cinque minorenni, di età compresa fra i 15 e i 18 anni, a Gragnano, nella provincia di Napoli, accusati a vario titoli di atti persecutori e rapina. Due dei ragazzini arrestati sono indagati anche per la morte di Alessandro Cascone, il 13enne suicidatosi proprio a Gragnano lo scorso 1° settembre.

I cinque hanno ripetutamente perseguitato un 14enne per 3 anni

Le indagini che hanno portato ai cinque arresti di questa mattina, condotte dai carabinieri della stazione di Gragnano e coordinate dalla Procura per i Minorenni di Napoli, hanno permesso di accertare che i cinque minorenni hanno messo in atto veri e propri atti persecutori, per tre anni, nei confronti di un 14enne di Gragnano.

Nello scorso mese di settembre, gli atti di bullismi dei 5 minorenni sono sfociati in una vera e propria aggressione aggressione ai danni del 14enne, nel corso della quale il gruppo di bulli gli ha procurato ferite e lesioni giudicate guaribili in 10 giorni. A causa delle vessazioni di cui era vittima, come accertato dalle indagini, il 14enne è stato costretto a cambiare scuola; avrebbe, inoltre, manifestato anche la volontà di togliersi la vita. Una vicenda simile a quella che ha spinto a settembre Alessandro Cascone a suicidarsi.

Finiti in comunità

Al termine delle formalità di rito, i cinque minorenni arrestati sono stati portati in comunità. A tre degli arrestati – insieme a un quarto soggetto, non imputabile – viene contestata anche la rapina di un coltellino multiuso avvenuta nello scorso mese di aprile.

continua a leggere su Teleclubitalia.it
resta sempre aggiornato con il nostro canale WhatsApp