Tre anni fa aveva perso il fratello, Rocco, deceduto una settimana dopo una caduta in bicicletta. Ieri sera, Giuseppe Perrino è spirato in preda a un malore avvenuto sul campo di calcio dove stava commemorando una partita in ricordo del parente scomparso. Un tragico destino che ha sconvolto l’intera comunità di Poggiomarino, la città del vesuviano dove Peppe, come veniva chiamato dagli amici, abitava.

Poggiomarino sotto choc: Peppe muore a tre anni di distanza dal fratello

Giuseppe stava giocando ieri sera in uno degli impianti sportivi del paese vesuviano per commemorare il fratello scomparso nel giugno del 2018 a seguito di una caduta dalla bici. Una vicenda spinosa, che portò poi all’iscrizione nel registro degli indagati di 31 medici in servizio tra Sarno e Nocera Inferiore. Fatale, a quanto pare, fu una complicazione ai reni sopraggiunta dopo l’incidente in bicicletta. Una versione che non convinse mai i familiari.

Da allora, periodicamente, il fratello Giuseppe organizza un evento sportivo per onorare la memoria di Rocco. E ieri stava giocando una di queste partite quando si sarebbe accasciato in mezzo al campo sotto gli occhi degli amici. Tempestivamente sono arrivati i soccorsi del 118, ma per Giuseppe Perrino non c’è stato niente da fare. La tragica notizia è arrivata presto a Poggiomarino, gettando nell’incredulità tutti coloro che conoscevano il destino del fratello e il dolore sopportato dalla famiglia Perrino in questi anni.

In queste ore si stanno moltiplicano i messaggi di cordoglio sui social network. “Ti conoscevo da poco meno di un anno,ma è bastato poco veramente poco per capire che ragazzo educato e per bene che eri umile e generoso. Ora puoi riabbracciare tuo fratello Rocco”, scrive Luca. “Non doveva andare così.. Hai voluto raggiungere il tuo fratellone e allora ora a noi ci manca il fiato”, commenta Angela.

continua a leggere su Teleclubitalia.it