Il governo sta lavorando a un nuovo decreto Covid che a partire dal 24 maggio dovrebbe portare cambiamenti sul fronte coprifuoco e sulle riaperture anticipate di alcune attività.

Una decisione era attesa in settimana, ma la Cabina di regia è stata rimandata a lunedì 17 maggio, quando saranno attivi i nuovi colori delle regioni sulla base dei dati del monitoraggio dell’Iss di venerdì.

Intanto per oggi è in programma il vertice Governo-Regioni sui possibili nuovi parametri per i colori: le Regioni, infatti, chiedono di non considerare più l’indice Rt come criterio chiave per la classificazione in fasce, ma di dar conto all’Rt ospedaliero che monitora la pressione sugli ospedali.

Il calendario delle aperture

In attesa del nuovo decreto, ecco quali sono le aperture in programma, alcune delle quali già stabilite nel precedente decreto.

Dal 15 maggio riaprono le piscine all’aperto e gli stabilimenti balneari. Non sarà più necessario fare cinque giorni di quarantena per chi rientra dai Paesi dell’Unione europea.

Il 17 maggio, invece, la cabina di regia si riunirà per esaminare le richieste dei governatori e delle associazioni di categoria. Si dovrà stabilire: la data di apertura dei centri commerciali nel fine settimana, la riapertura delle piscine al chiuso, la data per consumare al bancone del bar. Ma anche quando consentire ai ristoranti di poter far cenare i clienti al chiuso. Poi c’è da stabilire la data per i banchetti dei matrimoni e anche l’eventuale anticipazione della riapertura dei parchi tematici.

Il 24 maggio il coprifuoco dovrebbe essere posticipato di un’ora e dunque scatterà alle 23 per durare fino alle 5. Sempre dal 24 maggio potrebbe essere consentita la consumazione al bancone del bar.

Il primo giugno riaprono le palestre. Riaprono i ristoranti al chiuso dalle 5 alle 18. Potrebbe essere consentita la riapertura al chiuso anche la sera. A metà giugno, verso il 15, potrebbe essere consentito lo svolgimento dei banchetti nuziali in sicurezza e secondo precise regole. Il 1° luglio ripartono le fiere e i convegni. Fissata la riapertura dei parchi tematici, che però hanno chiesto un’anticipazione.

continua a leggere su Teleclubitalia.it