pasqua covid cosa si può fare cosa no

Sarà un’Italia in rosso quella che si appresta a vivere la seconda Pasqua in lockdown. Con un nuovo decreto, il Governo Draghi ha varato nuove misure restrittive per il weekend di Pasqua che limitano gli spostamenti e le aperture delle attività commerciali.

Pasqua, cosa si può fare e cosa no

Tutta l’Italia sarà in zona rossa durante i giorni 3, 4 e 5 aprile. Le regole saranno simili a quelle adottate in occasione delle festività natalizie. Le visite a casa di amici e parenti per gli auguri saranno consentite, ma soltanto per un massimo di due persone con under 14 al seguito. Nessun banchetto pasquale, dunque, se non tra parenti conviventi e due persone “extra” provenienti da altri nuclei familiari. Multe salate per chi viola le regole, da 400 a 3000 euro, ma anche con la chiusura da 5 a 30 giorni dell’esercizio o dell’attività che non rispetta la stretta, restando aperta.

Ci si potrà spostare dunque nell’ambito della propria regione, una volta al giorno, per recarsi presso abitazioni private. “Nei giorni 3, 4 e 5 aprile 2021 – si legge nel provvedimento emanato dal Governo -, sull’intero territorio nazionale, ad eccezione delle Regioni i cui territori si collocano in zona bianca, si applicano le misure stabilite dai provvedimenti di cui all’articolo 2 del decreto-legge n. 19 del 2020 per la zona rossa. Nei medesimi giorni è consentito, in ambito regionale, lo spostamento […], una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi”.

Chiusi bar e ristoranti. Stop a gite

Stop a gite e pasquette fuori porta, dunque. Si applicheranno le misure previste per la zona rossa. Chiusi anche bar e ristoranti, negozi di abbigliamento, barbieri e parrucchieri. Le attività di ristorazione potranno funzionare solo in modalità delivery e asporto. Non si escludono ulteriori misure restrittive introdotte dalle autorità locali.

continua a leggere su Teleclubitalia.it