gennaro maresca spinge fidanzata via nisida napoli

L’ha spinta sulla scogliera di via Nisida dopo un litigio. Una banale discussione tra fidanzati che si è trasformata in tragedia. Ora Amanda T., 22 anni, è in fin di vita. Lui, Gennaro Maresca, 24 anni, è finito nel carcere di Poggioreale con l’accusa di tentato omicidio.

Napoli, spinge la fidanzata sugli scogli: poi si allontana

A ricostruire quanto accaduto è un articolo di oggi de Il Mattino. La coppia aveva trascorso una serata insieme, in allegria, come testimoniano gli ultimi video apparsi su Instagram. Poi Gennaro e Amanda decidono di allontanarsi dalla comitiva per appartarsi e stare da soli. Probabilmente per discutere in privato. Poco prima, infatti, sul telefonino della 22enne è comparso il messaggio di un’altra persona. Gennaro è geloso, vuole vederci chiaro. La situazione degenera, il ragazzo spinge Amanda durante un’accesa discussione. Lei finisce sugli scogli, urtando con la schiena, poi rotola in acqua rischiando di annegare.

Il 24enne, forse spaventato, si allontana anziché prestare soccorso. Due persone che assistono alla scena si tuffanonel mare del Golfo e salvano Amanda in attesa dell’arrivo delle forze dell’ordine. Quando i carabinieri giungono sul posto, chiamano il 118 e fanno trasportare la giovane al pronto soccorso. Amanda è ora al Policlinico di Napoli in fin di vita, ricoverata in prognosi riservata. Gennaro invece è finito in manette. Ma a difenderlo c’è il fratello, Salvatore: “Non l’ha spinta per farla cadere – spiega in lacrime -. Non voleva farle del male. Si è trattato di un incidente. La nostra famiglia sta soffrendo per Amanda”.

Salvatore spiega anche le ragioni della discussione: “Mio fratello è un ragazzo tranquillo, ci tiene ad Amanda ed è geloso. E’ innamorato di lei anche se stanno insieme da soli 5 mesi. Faceva di tutto per far star bene Amanda, dai regali alla condivisione di tanti momenti”. Dopo la caduta di Amanda, “si è allontanato perché spavento e per questo ha iniziato a camminare e allontanarsi perché ha visto le persone che gli gridavano contro con fare aggressivo”.



continua a leggere su Teleclubitalia.it