“Non è possibile che qui con noi non c’è nessuno, nemmeno gli amici di Antonio. Aiutiamo una mamma che non ce la fa più, non mangia, non deve e non dorme”. È il grido di dolore della amica e della sorella di Antonio Natale, il 22enne scomparso da Caivano da ormai 8 giorni. 

Una fiaccolata per Antonio, il 22enne scomparso da Caivano: “La camorra non c’entra nulla”

Stasera i familiari del giovane hanno organizzato una fiaccolata, partita al Parco Verde, proprio per non spegnere le luci dell’attenzione sulla improvvisa e inspiegabile sparizione di Antonio.

“La camorra non c’entra nulla – hanno sottolineato i parenti del 22enne durante la fiaccolata -. Il nostro è un grido d’aiuto: c’è una mamma che non ce la fa più, non mangia, non beve, non dorme. Che Antonio sia vivo o morto venga fuori”, hanno aggiunto.

Le tracce di Antonio Natale si sono perse lunedì 4 ottobre. Nel pomeriggio, il 22enne è uscito dalla sua casa di Caivano dicendo alla madre che si sarebbe recato a Napoli insieme a un amico.

Dalla serata del 4 ottobre, però, di Antonio non si è saputo più nulla. Al telefono non risponde e con sé non ha i documenti. Dopo ore di apprensione, i famigliari denunciano la scomparsa alle forze dell’ordine. Ma a distanza di 8 giorni non si è ancora saputo nulla del ragazzo. Della scomparsa di Antonio se ne sta occupando anche la trasmissione televisiva “Chi l’ha visto?”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it