Incendio al Vomero: genitori gravi in ospedale, poche ore dopo muore figlio 36enne

Le fiamme distruggono l’appartamento dei genitori. Poche ore dopo, l’unico figlio della coppia, un 36enne, muore a causa di un infarto. Dramma nel dramma in via Kagoshima, al Vomero, quartiere collinare di Napoli. 

Incendio al Vomero: genitori gravi in ospedale, poche ore dopo muore figlio 36enne

I fatti, racconta Il Mattino, si sono verificati nella notte tra sabato e domenica. Quando, quello che sembra essere un corto circuito dovuto a una stufa malfunzionante provoca un incendio nell’abitazione di due sessantenni. La coppia si procura ustioni e ferite nel tentativo di arginare il rogo e mettere in salvo il figlio disabile, che era in casa al momento dell’incendio ma in una stanza diversa da quella in cui si trovavano i suoi genitori e la stufa.

Subito si attivano i soccorsi. Sul posto intervengono i poliziotti, i vigili del fuoco e i sanitari del 118. Marito e moglie vengono trasportati nel Centro grandi ustionati del Cardarelli, dove tutt’ora sono ricoverati. Illeso, invece, il 36enne che, nel frattempo, era rimasto con una parente che lo accudiva. Le fiamme vengono spente dai pompieri e la casa verrà dichiarata agibile, dal momento che non ci sono danni gravi da poter evitare l’accesso ai proprietari. Il figlio 36enne della coppia quindi decide di dormire nella sua camera, al termine dei sopralluoghi degli inquirenti. In sua compagnia c’è una parente.

Ucciso da un malore

Qualche ora dopo, il secondo dramma. È domenica notte quando il giovane viene colto da un malore, forse a causa dello spavento dovuto all’incendio divampato alcune ore prima nel suo appartamento. Fatto sta che il malore non gli lascia scampo. Sotto choc il quartiere per la doppia tragedia che ha visto coinvolti prima i genitori del 36enne e poi il giovane.

continua a leggere su Teleclubitalia.it
resta sempre aggiornato con il nostro canale WhatsApp