Affittavano la propria abitazione, garantendo ai vacanzieri posti letto e servizi, senza però alcuna licenza e senza produrre alcuna fattura. E così nel mirino dei Carabinieri sono finite ben cinque host privati. In particolare, un 85enne è stato denunciato per aver improvvisato un Bed and Breakfast completo di 3 camere, tutto rigorosamente in nero.

Case trasformate in B&B abusivi a Ischia: 5 persone nei guai

Nei guai anche una donna di 75 anni: aveva convertito per la stagione estiva una sua proprietà in affittacamere; sei gli ambienti ottenuti, tutti occupati dai turisti al momento dei controlli. Stessa sorte per altre tre persone, proprietarie di altrettanti appartamenti riadattati per accogliere turisti stranieri e italiani. In totale sono stati controllati dai Carabinieri 33 appartamenti e 79 ospiti. Il fenomeno degli affitti abusivi turistici, sebbene sia in calo rispetto agli anni precedenti, continua a persistere nelle isole del golfo di Napoli. Per questo motivo, anche quest’anno è stata instaurata una vera e propria task force delle forze dell’ordine per identificare gli alloggiati negli appartamenti in fitto e verificare la regolarità delle locazioni.

“Non possiamo che accogliere con favore l’azione di contrasto delle forze dell’ordine, visto che i fitti cosiddetti selvaggi tendono ad alimentare un turismo di bassa qualità – aveva dichiarato Luca D’Ambra, presidente di Federalberghi Ischia e Procida a La Repubblica -. Soprattutto, costituiscono una concorrenza altamente sleale nei confronti delle strutture ricettive dell’isola”, aveva sottolineato.

Ischia, clienti assaltano la reception di un hotel: botte tra gestori e vacanzieri

continua a leggere su Teleclubitalia.it