cagliari massimiliano lilliu ucciso lavatrice

Ha ucciso un giovane perché infastidito dalla lavatrice accesa. E’ l’omicidio consumato questa mattina in provincia di Cagliari. A finire in manette Francesco Massa, 64 anni, gi condannato nel 1995 per aver ucciso con una coltellata alla gola un 19enne. Questa volta vittima della sua violenza è stato Massimiliano Lilliu, 33 anni.

Cagliari, uccide il vicino perché infastidito dalla lavatrice

La lite è avvenuta questa mattina in un appartamento di via della Doline, nel quartiere Is Mirrionis a Cagliari. Il 64enne è stato bloccato dagli agenti della squadra volante mentre si allontanava dall’abitazione: aveva ancora i vestiti sporchi di sangue. I due, a quanto si apprende, hanno cominciato a litigare alle sei del mattino. In casa con la vittima c’erano altre due persone. A quanto pare Massa si lamentava con i coinquilini per la lavatrice azionata.

Presto la discussione è degenerata. Il pregiudicato ha afferrato un coltellaccio da cucina e si è avventato sul giovane cuoco, colpendolo con una decina di fendenti al torace e alla schiena. Poi ha bussato alla porta di uno dei coinquilini: «Chiama i carabinieri», avrebbe detto. Dopo l’omicidio ha poi lanciato l’arma del delitto dal balcone si è allontanato.

Sul luogo del delitto sono subito sopraggiunti i medici del 118 e gli agenti della squadra volante che raccolta la descrizione del presunto omicida lo hanno rintracciato in via Is Mirrionis. In via della Doline sono poi arrivati gli investigatori della squadra mobile, coordinati dal dirigente Fabrizio Mustaro, e la scientifica che si sta occupando di tutti i rilievi.

continua a leggere su Teleclubitalia.it