E’ stata un’emorragia cerebrale ad uccidere Camilla Canepa, la 18enne di Sestri Levante, due settimane dopo aver ricevuto la prima dose di AstraZeneca. Questo l’esito dell’autopsia effettuata sul corpo della adolescente spirata giovedì scorso all’ospedale San Martino di Genova.

Morta dopo vaccino Astrazeneca, l’esito dell’autopsia su Camilla Canepa

Sono ancora tanti i nodi da sciogliere e adesso i consulenti dei pm procederanno con gli esami istologici per chiarire cosa abbia causato il decesso.

I pubblici ministeri di Genova, Francesca Rombolà e Stefano Puppo, vogliono capire se la giovane soffrisse di una malattia autoimmune e se rientrasse tra i pazienti “fragili” perché, in questo caso, Camilla Canepa non avrebbe potuto ricevere la dose del vaccino anglo-svedese.

E non è tutto. I magistrati vogliono sapere se i medici vaccinatori abbiano raccolto tutte le informazioni correttamente, se Camilla avesse riferitodi essere stata immunizzata al ginecologo che le prescrisse una cura ormonale. E, infine, se vi siano eventuali responsabilità da parte dei medici dell’ospedale di Lavagna e del San Martino di Genova.

continua a leggere su Teleclubitalia.it