andrea pirali morto vaccino pfizer

Si chiamava Andrea Pirali e aveva 52 anni l’uomo morto ieri a due ore dalla somministrazione del vaccino Pfizer. La Procura di Verbania ha subito aperto un fascicolo di inchiesta per indagare sulle cause del decesso.

Novara, muore mezz’ora dopo il vaccino: addio ad Andrea Pirali

Secondo quanto ricostruito, Andrea si era recato ieri pomeriggio al Pala Green di Arona di via Monte Zeda per sottoporsi alla vaccinazione. Dopo l’inoculazione, ha atteso i canonici 15 minuti previsti dal protocollo per monitorare l’insorgenza di eventuali reazioni avverse. Dopidiché si è recato a casa. Una volta però rientrato nella sua abitazione, ha cominciato a stare male verso le 16 e 30. Successivamente è arrivato l’ambulanza, ma l’uomo è spirato durante il trasporto in ospedale.

Sarà l’autopsia ad accertare le cause della morte. Sul tragico fatto indagano i Carabinieri di Arona. Non si conoscono ancora le cause del decesso e non è possibile ipotizzare quindi correlazioni fra la somministrazione del vaccino e il malore. “Domani la campagna vaccinale continua come da programma perché dopo l’intervento delle forze dell’ordine nulla è stato sequestrato all’hub vaccinale”, spiega il sindaco di Arona, Federico Monti.

Quello di ieri pomeriggio non sarebbe il primo episodio di malore registrato dopo il vaccino Pfizer. Nell’altro centro vaccinale di Arona, infatti, in via Fogliotti, un altro uomo sulla cinquantina, sempre vaccinato con Pfizer, si è sentito male dopo pochi minuti intorno alle 17. Soccorso dagli uomini della Cri giunti sul posto è stato ricoverato presso il Dea di Borgomanero e le vaccinazioni rimanenti, una decina in tutto, sono state rinviate.

Leggi anche: Stefano morto dopo il vaccino, accertato il nesso di causalità

continua a leggere su Teleclubitalia.it