allenatore napoli

Si è concluso ieri, non nel migliore dei modi, il matrimonio tra Gennaro Gattuso e la società calcio Napoli.

Dopo un girone di ritorno ad altissimi livelli, il Napoli inciampa nell’ultima gara e cestina l’opportunità di entrare in Champions League. La Juventus approfitta del passo falso partenopeo e si piazza quarta in classifica.

Addio Gattuso, il tweet di De Laurentiis

Gattuso siede sulla panchina del Napoli l’11 dicembre 2019, in sostituzione a Carlo Ancelotti. Dopo le prime difficoltà, riesce a qualificarsi in Europa League grazie al trionfo in Coppa Italia. Al suo secondo anno da allenatore azzurro, colleziona 24 vittorie, 5 pareggi e 9 sconfitte. A fine stagione chiude quinto con 77 punti, mancando la Champions per un solo punto.

Aurelio De Laurentiis, con un tweet, saluta Gennaro Gattuso: “Ciao Rino, sono felice di aver trascorso quasi due stagioni con te. Ringraziandoti per il lavoro svolto, ti auguro successi ovunque tu vada. Un abbraccio anche a tua moglie e ai tuoi figli”.

Bisogna sottolineare, però, che la società Napoli non ha esonerato il tecnico di Corigliano Calabro, bensì ha scelto di non rinnovare il contratto appena scaduto.

Il Napoli è alla ricerca di un nuovo allenatore

Se Massimiliano Allegri sembrava ad un passo dal Napoli, con l’esclusione dalla Champions League si allontana questa pista. L’ex tecnico della Juventus, infatti, avrebbe accettato l’incarico solo nel caso in cui gli azzurri si fossero posizionati tra le prime quattro posizioni.

La pista Luciano Spalletti è ancora calda. L’allenatore toscano accetterebbe la panchina partenopea anche nel caso in cui si riducesse la qualità della rosa, con la vendita dei pezzi più pregiati come Koulibaly e Fabian.

L’idea di Sarri è stata una suggestione nata qualche mese fa, poi tramontata nelle ultime settimane. L’ex azzurro non sembra interessato al clamoroso ritorno.

Piacciono Juric del Verona e Italiano dello Spezia. De Laurentiis ci pensa ancora.

continua a leggere su Teleclubitalia.it