Dopo la fascia dei quarantenni toccherà ai trentenni vaccinarsi. Alcune regioni hanno infatti già fissato la data per poter dare la propria adesione. Tra queste, c’è la Lombardia: dal 27 maggio, la fascia d’età 30-39 anni potrà registrarsi sulla piattaforma regionale. Dal 2 giugno via libera anche alla categoria 16-29 anni.

Vaccino Covid ai 30enni, via libera in alcune regioni: quali sono

Il Lazio invece pensa a coinvolgere già da fine mese i trentenni, secondo quanto scrive il “Corriere della Sera”. “Dal 29-30 maggio e per tutti i weekend di giugno” il presidente Nicola Zingaretti avrebbe deciso di intensificare la campagna vaccinale coinvolgendo i trentenni che accetteranno di farsi somministrare AstraZeneca.

In Liguria, invece, da venerdì 21 maggio via libera per chi è nato nella fascia 1972-1976, poi dal 28 maggio si comincia con la categoria 1977-1981. Nella provincia autonoma di Trento ci si concentra sugli over 50, con i 40enni che potranno prenotare il vaccino nel mese di giugno.

Il Veneto, invece, ha già raccolto le richieste dei quarantenni lo scorso 14 maggio mentre il Friuli Venezia Giulia ha già cominciato a vaccinarli dal 17 maggio. Al centro Italia, la situazione è più o meno la stessa: dal 17 maggio sono state aperte le prenotazioni per gli over 40 in Emilia-Romagna e in Toscana, e nelle Marche da oggi 19 maggio.

Ritardi, invece, si registrano in Umbria: da lunedì 17 maggio, chi ha tra i 60-69 anni potrà aderire alle vaccinazioni anti-covid. Nello stesso giorno è stato dato il via libera in Abruzzo per le prenotazioni dei nati fino al 1981. In Sardegna la stessa categoria deve ancora attendere: si arriva fino ai nati nel 1970.

Al Sud, invece, troviamo il Molise che si concentra al momento sugli over 50. In Puglia e in Campania invece si punta sui 40enni. In Campania, in particolare, è stato dato ieri, 18 maggio, il via libera alla fascia 40-44 anni. Stessa situazione anche in Basilicata, CalabriaSicilia. 

continua a leggere su Teleclubitalia.it