Un’enorme chiazza marrone ha invaso di nuovo lo specchio d’acqua della foce del Lago Patria. Da ieri, infatti, circolano sui social decine di foto scattate dai residenti che denunciano con forza lo scempio ambientale.

Lago Patria, l’acqua si tinge di nuovo di marrone: enorme chiazza invade la foce

Sulla vicenda è intervenuta anche Mariateresa Imparato, presidente di Legambiente Campania.

“L’ennesima segnalazione di uno scarico alla foce del Lago Patria inviata oggi pomeriggio al nostro Circolo Legambiente Giugliano Arianova da cittadini esasperati. Continueremo a denunciare e a segnalare. Continueremo a chiedere con forza alle istituzioni che la lotta alle ecomafie sia una priorità. Continueremo a pretendere che le risorse vengano usate per liberare dai veleni territori che aspettano la bonifica da anni”, scrive in un lungo post su Facebook.

A distanza di un mese dalla denuncia di Teleclubitalia, si ripresenta lo stesso fenomeno: una chiazza di notevoli dimensioni di sostanze inquinanti che dalla foce finiscono nel mare. Il disastro ambientale è attribuibile a diversi fattori: potrebbe trattarsi dei soliti sversamenti (illeciti) di liquami bufalini da parte di ziende casearie e bufaline oppure quella scia di acqua scura e nauseabonda potrebbe essere stata generata da scarichi fognari incontrollati. Ma non è escluso che il fenomeno possa esser stato causato anche da fattori naturali.
continua a leggere su Teleclubitalia.it