guidonia bimbo picchiato baby sitter

Affidano il bimbo di cinque anni a un amico. Lo ritrovano pieno di lividi e fratture. E’ quanto accaduto a Guidonia, in provincia di Roma, dove i carabinieri hanno fermato un uomo di 25 anni accusato di aver picchiato il figlio di una coppia di amici.

Guidonia, baby-sitter violento: pugni in faccia a un bimbo di 5 anni

La violenza risale a domenica scorsa, quando una coppia di genitori decide di affidare a un amico di famiglia il figlioletto di 5 anni. Quando i genitori sono tornati per riprendersi il piccolo, hanno notato che aveva diverse ferite. La mamma, appena viste le condizioni del figlio, ha così chiamato i carabinieri.

I militari hanno subito capito la gravità della situazione. Il bambino tra le braccia della sua mamma, piangeva a dirotto con il volto tumefatto e diverse ferite agli arti. Trasportato in ospedale, i medici hanno diagnosticato diverse fratture con una prognosi di 60 giorni. Le indagini, condotte in continua sinergia con la Procura di Tivoli hanno visto coinvolti tutti i Carabinieri della Stazione Carabinieri di Settecamini e della Compagnia di Tivoli .

Gli investigatori hanno ricostruito minuziosamente, tassello dopo tassello, ogni momento di quel pomeriggio. Il baby-sitter 25enne avrebbe malmenato a calci e pugni il bambino in preda all’alcol. L’uomo, sulla base degli elementi raccolti, è stato fermato e tradotto presso il carcere di Rebibbia in attesa della convalida del provvedimento.

Leggi anche: Castel Volturno, bimbo massacrato a morte dal patrigno

continua a leggere su Teleclubitalia.it