bambino rapina rider carnevale

Ogni anno c’è sempre qualcuno che a Carnevale pensa a qualche strano ma soprattutto discutibile travestimento e non è mancato neppure quest’anno. Sui social sta spopolando la foto di un bambino che simula la scena della rapina al rider.

L’immagine è stata postata su Instagram pare da un fotografo che pensava così di sponsorizzare la propria attività in vista del Carnevale.

Carnevale: rapina al rider, bambino travestito

La foto fa esplicito riferimento al fatto di cronaca avvenuto qualche tempo fa a Napoli dove un rider fu rapinato del suo scooter mentre era a lavoro. Il video del colpo fece il giro del web nel giro di poche ore divenendo un caso nazionale per la violenza del branco contro l’uomo.

La foto di questo bambino travestito dunque da ladro è accompagnata dalla scritto: “Attenti al ladro, personalizza la tua maschera”. Qualcuno ha poi inviato la foto al Consigliere Regionale Francesco Emilio Borrelli che ha subito provveduto a denunciare il caso su Facebook.

Leggi anche: Campania, stretta sul Carnevale: De Luca firma una nuova ordinanza

Un travestimento che fa tornare alla memoria la rapina ai danni del povero rider di circa un mese fa.

“Non si capisce se la logica della foto sia contro i delinquenti e a favore del rider o viceversa, ma è senz’altro un’immagine che lascia perplessi, pensare di travestire così il proprio figlio, che sia da rapinatore o da rapinato, è qualcosa di assurdo. Ricostruire per goliardia un fatto così drammatico che ha condotto all’arresto  di 6 giovani e alla rapina del rider pestato è davvero inconcepibile – queste le parole di Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale della Campania per Europa Verde e del conduttore radiofonico Gianni Simioli -. Chiediamo al fotografo di rimuovere l’immagine in questione, troppo controversa per passare inosservata. In tanti potrebbero pensare che si tratti di una foto che vuole idolatrare i principi criminali che i napoletani per bene combattono ogni giorno. In una città che sta vivendo una deriva violenta e incivile non ci possiamo consentire di far trapelare messaggi così ambigui e fraintendibili. La risposta a questi fenomeni deve sempre essere ferma e decisa”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it