Inizia oggi, 12 febbraio, il Capodanno cinese e il bue è l’animale associato. La ricorrenza viene chiamata anche Capodanno lunare e Festa di Primavera, perché legato alla rinascita della natura.

La festa, con oltre 4.000 anni di storia, è la più importante e la più lunga dell’anno in Cina dove coinvolge quasi un miliardo e mezzo di persone, ed estesa a molte città del mondo, da New York a Milano, con le sue danze, tradizioni, sfilate e lanterne.

Capodanno Cinese 2021: quando si festeggia

Una differenza fondamentale tra il Capodanno occidentale e quello cinese riguarda le date.

Quello cinese non ha una data fissa perché l’antico calendario cinese è lunisolare, ovvero fondato sul moto della Luna: ogni mese inizia in concomitanza con la luna nuova e il primo giorno dell’anno coincide nel calendario cinese con il secondo novilunio dopo il solstizio d’inverno. Evento che può variare  di anno in anno tra il 21 gennaio e il 19 febbraio del nostro calendario.

Un’altra differenza riguarda la durata: il Capodanno cinese è un periodo di festività che dura 16 giorni.

I momenti clou sono la Festa di primavera e la Festa delle lanterne. Quest’anno, la prima inizia il 12 febbraio fino al al 22 febbraio, la Festa delle lanterne, che chiude il tutto, si svolge dal 23 al 26 febbraio.

Capodanno cinese: il significato

Risveglio e rinascita. Serenità e speranza per l’anno a venire che segna l’inizio di un nuovo ciclo di vita: questi i significati della più importante festa della Cina. Nata come giorno per chiedere agli dei e agli antenati un buon raccolto nell’anno nuovo, ma sulle cui origini esistono leggende, come quella del mostro Nian (che in cinese significa anno).

Un demone predatore di esseri viventi che ogni 12 mesi visitava i villaggi terrorizzando gli abitanti, finché non fu sconfitto a causa della sua paura del colore rosso e dei rumori forti. Ed ecco spiegate alcune delle usanze del Capodanno cinese.   

Capodanno cinese: come si festeggia

I festoni, le lanterne, i fiori rossi che addobbano le case e i templi. I fuochi d’artificio, i tamburi, i cimbali e i gong che accompagnano le parate e le spettacolari danze tradizionali: quella del Drago e quella del Leone che si svolgono in piazze e strade della Cina e delle Chinatown di tutto il mondo, tra suoni e rumori per spaventare il mostro, portato a mano nelle sfilate.

Ma il Capodanno in Cina è soprattutto la festa della famiglia, quella più estesa: ci si riunisce e si torna a casa già una settimana prima del Capodanno, nel periodo dei preparativi.

continua a leggere su Teleclubitalia.it