nuovo dpcm

Sta per scadere la durata del decreto Natale e si attende il nuovo dpcm. L’Italia sarà sempre divisa in tre zone. Questa una delle decisioni prese nel Consiglio dei ministri. La novità è che sarà prevista la zona arancione su tutto il territorio nazionale per il weekend del 9 e 10 gennaio. E si inaspriscono i criteri con cui una Regione entra in zona arancione o rossa.

Nel nuovo dpcm sarà ancora previsto il blocco degli spostamenti tra Regioni fino al 15 gennaio. Il 7 e l’8 gennaio tutte le Regioni saranno in zona gialla, ma poi nel weekend scatterà la zona arancione. Nei giorni festivi e prefestivi fino al 15 gennaio bar e ristoranti resteranno chiusi e non sarà possibile uscire dal proprio Comune. I negozi, invece, potranno restare aperti, come accade per la zona arancione già oggi.

Nuovo dpcm

“In questo momento la cosa più importante è l’inasprimento delle soglie, misura che è stata condivisa dalle Regioni. La proposta verrà portata stasera in Cdm. La certezza è che le zone non cambiano: restano l’arancione, il giallo e il rosso. Fino al 15 gennaio ci sono queste misure. In queste ore stiamo inasprendo le soglie. Tutte le valutazioni, compresa quella sulle aree bianche sono sul tavolo ma ne discuteremo al momento opportuno”, aveva annunciato il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, intervenendo a La Vita in Diretta su Rai 1.

Con il nuovo dpcm saranno consentiti solamente gli spostamenti da comuni con meno di 5mila abitanti ed entro 3o km, come avveniva anche durante le festività natalizie.

Dalla prossima settimana, quindi, nei giorni feriali, saranno in vigore anche le restrizioni da zona arancione o rossa nelle Regioni più a rischio. Al momento sono in 6 quelle con un indice Rt più alto.

Leggi anche: Divieti anche dopo la Befana ma spunta la “zona bianca”: di cosa si tratta

Proprio per domani è atteso il nuovo monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità, che indicherà i livelli di criticità dell’epidemia in ogni Regione. In seguito Speranza firmerà le diverse ordinanze. Il prossimo decreto dovrebbe anche prevedere un inasprimento dei parametri. Si passerà da un indice Rt di 1,5 a uno di 1,25 per la zona rossa e a 1 per la zona arancione. Per le zone rosse viene confermata la possibilità di spostarsi, una sola volta al giorno, per massimo due persone, all’interno della propria Regione.

continua a leggere su Teleclubitalia.it