aperitivo anticipo zona rossa

Da domani tutta l’Italia scivola in zona rossa. Una misura straordinaria, applicata in tutta la nazione per cercare di contrastare il contagio da Covid-19 ed evitare assembramenti nel periodo natalizio.

Le restrizioni emanate dal governo hanno imposto la chiusura della maggior parte delle attività commerciali, compresi bar e ristoranti, ma questo sembra non aver scoraggiamenti gli amanti dell’aperitivo in piazza.

Infatti nelle ultime ore, sia a Giugliano, Aversa ma anche a Napoli centro, città in cui tradizionalmente si tiene l’aperitivo della Vigilia e di fine anno, centinaia di giovani si starebbero organizzando per brindare e festeggiare il Natale. Insomma, una corsa all’aperitivo in anticipo – con rischio assembramento – che non rientra certo nelle attività consigliate in questo periodo di emergenza sanitaria e che va in netto contrasto con l’ultima ordinanza del presidente della regione, Vincenzo De Luca.

Spostamenti nei giorni festivi

Sul sito di palazzo Chigi il governo spiega quali sono le regole previste nel decreto di Natale. “Nei giorni festivi e prefestivi (24, 25, 26, 27 e 31 dicembre e 1°, 2, 3, 5 e 6 gennaio) sarà possibile, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici, anche verso altri Comuni, ma sempre e solo all’interno della stessa Regione, tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di due persone”.

Nei giorni 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio, sarà possibile, per chi vive in un Comune fino a 5.000 abitanti, spostarsi liberamente, tra le 5.00 e le 22.00, entro i 30 km dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un’altra Regione), con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia: conseguentemente, sarà possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro tali orari e ambiti territoriali”
 

 

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it