Non ce l’ha fatta il piccolo Vincenzo Semeraro, il bimbo di 11 anni affetto da un tumore raro. Le condizioni di Vincenzo – detto Vincenzino – si erano aggravate negli ultimi giorni, tanto da provocare sui social un appello alla preghiera. Purtroppo ieri l’undicenne è spirato all’ospedale Bambin Gesù di Roma, presso il quale era ricoverato.

Taranto, muore Vincenzo Semeraro di tumore: aveva 11 anni

Vincenzo, affetto da un linfoma alle ossa, era a Roma per il trapianto del midollo. A sostenere la sua battaglia il papà Francesco e la mamma Tiziana. Lo scorso giugno i genitori avevano lanciato anche una raccolta fondi su internet per finanziare le spese dell’operazione.

Oggi verranno celebrati i funerali del piccolo Vincenzo. In piazza Masaccio, alle sette, è prevista una breve sosta del feretro. La città di Taranto, quartiere Tamburi decide così di dare l’ultimo saluto all’undicenne, ennesima vita di tumore legata all’inquinamento della zona.

Tantissimi in queste ore i post di cordoglio apparsi sui social network. “La comunità e i parroci della Parrocchia Ss.Angeli Custodi – si legge su Facebook – si stringono all’immenso ed indescrivibile dolore dei genitori di Vincenzo Semeraro e di tutti i suoi familiari.  Continuiamo a pregare per lui, per la sua famiglia che ne ha tanto bisogno. Non ci sono parole per esprimere questo grande dolore.Ciao piccolo nostro, i tuoi sorrisi svolazzanti in oratorio saranno il ricordo più bello..per sempre”.

La sua morte ha suscitato anche reazioni di rabbia nel mondo politico. Il consigliere comunale Massimo Battista invita il sindaco a incatenarsi “ai cancelli della fabbrica (Ilva, ndr)” per protestare contro il piano del Governo. “l’Ilva – spiega Battista – non può che rappresentare un impedimento alla rinascita dell’economia ionica, oltre a seminare malattia e morte, lo invito senza mezzi termini ad incatenarci insieme ai cancelli della fabbrica, chiedendo all’intera cittadinanza di sostenerci”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it