reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza PNR. Con molta probabilità il reddito di cittadinanza subirà delle modifiche nei prossimi mesi. Si parla proprio di una possibile modifica nella bozza del Piano Nazionale di Riforme. 

Ad oggi, infatti, come si legge nel documento stesso, sono 65.302 i beneficiari del Reddito di Cittadinanza che hanno trovato un lavoro. Un dato che se confrontato con il numero dei percettori del RdC – che come svelato dall’INPS all’8 aprile 2020 erano 1.228.517 – potrebbe portare a delle conclusioni errate; bisogna considerare, infatti, che solo una parte di queste persone ha sottoscritto un Patto per il Lavoro con il Centro per l’Impiego e quindi risultano essere occupabili. Nel milione e oltre di beneficiari del dato INPS, infatti, sono compresi anche minorenni, disabili, over 65 e persone già occupate.

Nel Piano Nazionale delle Riforme si legge della necessità di una valutazione, e non viene fatto segreto riguardo alla possibilità che il Reddito di Cittadinanza possa essere modificato in futuro.

Reddito di cittadinanza modificato? Cosa prevede il Piano Nazionale delle Riforme

Come riporta il sito Money, nel Piano Nazionale delle Riforme si parla anche di Reddito di Cittadinanza. Una misura che è in vigore ormai da più di un anno e che per questo motivo è arrivato il momento di fare delle valutazioni a riguardo. Nel dettaglio, nella bozza del PNR si legge che bisognerà “valutarne tanto l’efficienza quanto l’efficacia al fine di introdurre i necessari miglioramenti”.

Potrebbe anche interessarti >> Reddito di cittadinanza, pagamenti luglio 

Questo perché bisognerà fare un primo bilancio per capire se eventualmente potrebbero esserci dei miglioramenti tali da incrementare il numero di quelle persone che grazie al percorso di accompagnamento al lavoro hanno trovato un nuovo impiego, fermo restando che nel frattempo bisogna dare ai Centri per l’Impiego il tempo per lavorare.

Il governo ha quindi tutte le intenzioni di puntare sul Reddito di cittadinanza. Ciò vuol dire modificare qualcosa per rendere il sussidio più efficiente rispetto ad oggi.

Chi sono i furbetti del reddito di cittadinanza 



continua a leggere su Teleclubitalia.it