bonus bicicletta

Bonus bicicletta e monopattini: il governo nel nuovo decreto che dovrebbe essere approvato a breve prevede un incentivo all’acquisto di bici e non solo. Si parla di monopattini, biciclette a pedalata assistita e dei “veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica”.

La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli è tornata a parlarne in audizione alla Camera. “E’ allo studio e in dirittura d’arrivo il riconoscimento di un buono di mobilità alternativa. Sarà rivolto ai residenti nelle città metropolitane e aree urbane con più di 50.000 abitanti. Il bonus è fino ad un massimo di 500 euro per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, nonché di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica, e monopattini”, ha annunciato la ministra. Ha precisato che il bonus sarà “erga omnes”, per cui non sarà legato a parametri di reddito e disponibile a tutti quelli che ne faranno richiesta.

Bonus bicicletta

Dai 200 euro di indicazione iniziale, il bonus è lievitato fino a 500 euro con una dotazione che dovrebbe partire da 120-125 milioni di euro, fatta salva la disponibilità del governo a incrementare gli stanziamenti in un secondo momento. Risorse buone per scontare il 65-70% del valore d’acquisto dei mezzi ai consumatori.

I dettagli sono ancora in via di definizione. A richiederlo potrebbero essere i residenti di città sopra 45 mila abitanti. Per quanto riguarda l’erogazione, sono due le alternative. O fare sì che gli acquirenti paghino per intero i mezzi ai commercianti, per poi caricare scontrini e fatture su una piattaforma elettronica e ricevere il rimborso. Oppure, e sarebbe la prima scelta al Ministero dell’Ambiente, lasciare ai commercianti l’onere della pratica. La bicicletta verrebbe così acquistata già scontata dai consumatori, mentre gli esercenti dovrebbero inserire i documenti di vendita sulla piattaforma per avere il rimborso diretto della somma a carico dello Stato. Dovrebbe esser consentito anche l’utilizzo retroattivo per le spese sostenute dal 4 maggio in avanti.



continua a leggere su Teleclubitalia.it