Bruciore di stomaco: cos’è, farmaci, rimedi e cosa mangiare

Bruciore di stomaco: cos’è, farmaci, rimedi e cosa mangiare

Sarà capitato a tutti di avvertire bruciore di stomaco dopo aver fumato una sigaretta o dopo un pasto abbondante. Cosa fare in questi casi? Come rimediare, quali cibi si possono mangiare e quali da evitare?

Cos’è il bruciore di stomaco

Il bruciore di stomaco è una sensazione dolore, dal lieve fastidio a vere e proprie fitte al petot, spesso associata ad altri disturbi quali il rigurgito (cioè la risalita di succhi gastrici o cibo dallo stomaco all’esofago) ed eruttazione. Le malattie più frequentemente responsabili di questo sintomo sono la malattia da reflusso gastro-esofageo, la gastrite, la duodenite e l’ulcera peptica.

Farmaci e rimedi

Questi disturbi possono essere trattati con i farmaci. I medicinali atti ad alleviare i sintomi del brucio di stomaco possono essere divisi in due categorie: i farmaci da banco, auto-prescrivibili e liberamente acquistabili in farmacia, e i farmaci per i quali è necessaria la prescrizione di un medico.

Tra i farmaci da banco troviamo gli antiacidi, i quali vanno assunti dopo i pasti e al momento di coricarsi per neutralizzare l’acidità gastrica. Tra i farmaci per i quali è richiesta la ricetta del medico, i più efficaci sono gli “inibitori di pompa protonica”, molecole che impediscono la produzione di acido nello stomaco.

Una soluzione semplice e rapida per smorzarla consiste nell’assumere preparati che combinano l’azione propriamente antiacida di sali come antiacidi come il bicarbonato di sodio o di magnesio.

Esistono anche sostanze in grado di indurre la frantumazione e l’eliminazione delle bolle d’aria contenute nello stomaco aiutando così a ridurre il contenuto di aria nella pancia. Sono ad esempio il dimeticone e il simeticone, o il carbone vegetale se cerchiamo un rimedio più naturale.

E’ sempre importante seguire le indicazioni del foglietto illustrativo sia per quanto riguarda il dosaggio, ma nel dubbio si può chiedere consiglio al farmacista o consultare il proprio medico di base.

Cosa mangiare 

I cibi sconsigliati sono più identificabili di quelli consigliati. E la moderazione a tavola è fondamentale.

I cibi NO: aglio, cipolla, caffè, pomodoro crudo, agrumi, alimenti piccanti, vino, pizza, bevande gassate e gomme americane.

I cibi SI: pasta, riso, pollo, pesce, mele, pere, lattuga, finocchio, sedano, carote e zucchine.

Consigli per prevenire e combattere l’acidità di stomaco: masticare lentamente è importantissimo, così come frazionare l’alimentazione giornaliera in 5 piccoli pasti, evitare i pasti abbondanti.



DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.