samuele arena morto ponticelli aneurisma

E’ sotto choc il quartiere di Ponticelli per la morte di Samuele A., il bimbo di 9 anni deceduto nel sonno domenica sera mentre rientrava a casa con i genitori dopo una gita a Castel Volturno. Conclusa la passeggiata sul litorale domitio, Samuele è salito in auto con mamma Veronica e papà Pasquale. Aveva sonno e avrebbe detto al padre: “Dormo un po’, svegliami quando arriviamo”.

Ma Samuele non si è più risvegliato. Giunti in via Botteghelle, dove il bambino viveva con i genitori, una strada al confine con Volla, Pasquale ha provato a risvegliarlo e a scuoterlo, ma inutilmente. Ha avvertito il respiro affannoso del piccolo e ha capito che qualcosa non andava. E’ scattato subito l’allarme. Samuele è stato accompagnato a Villa Betania, al pronto soccorso, dove i medici ne hanno constatato il decesso. A quel punto

Sulla salma del bambino è stata disposta l’autopsia, che farà chiarezza sulle cause del decesso. Poi il corpicino sarà restituito ai familiari per la celebrazione delle esequie. La notizia della morte di Samuele ha fatto rapidamente il giro del quartiere Ponticelli, dove il bambino era conosciuto da tanti amichetti e dalle tante amiche della mamma, Veronica.

La probabile causa del decesso, di cui si potrà avere conferma dall’esame autoptico, è un aneurisma, che è una dilatazione improvvisa di un arteria, una specie di sacca che si forma nel cervello. I sintomi sono cefalea e sonno. E’ una patologia che colpisce spesso bambini e ragazzi. Pare che Samuele, in passato, non abbia mai avuto segnali che lasciassero presagire una morte prematura.



continua a leggere su Teleclubitalia.it