sorrento carabinieri arrestata turista cinese

Blitz nella notte dei Carabinieri in un noto hotel della costiera sorrentina. I militari dell’arma sono intervenuti nella struttura ricettiva dopo che alcuni dipendenti erano stati aggrediti da una cliente di origini cinesi.

Sorrento, blitz in albergo dei Carabinieri

Alcuni clienti si erano lamentati in reception per i rumori molesti che provenivano dalla stanza d’albergo della donna di 46 anni. Quindi, il personale di servizio le aveva chiesto di rispettare il riposo altrui, ma la donna era andata in escandescenze.

Quando i Carabinieri della locale compagnia sono giunti sul posto per cercare di sedare gli animi la turista ha inveito anche contro di loro sputandogli addosso e urlando “Omicron”. La 46enne è finita in manette ed è ora in attesa di giudizio.

La donna appartiene a potente famiglia cinese

Come riporta Vesuviolive, si tratta di Amina Mariam Bokhary, giunta a Sorrento da Hong Kong, che appartiene ad una famiglia molto potente e influente in Cina. Suo padre era un membro del consiglio dell’ex borsa di Hong Kong, mentre il nonno fondò la società Bokhary Securities, una holding di servizi finanziari tra le più importi e ricche di Hong

Leggi anche

Napoli, paura per Omicron 5: over 60 in fila sotto al sole per la quarta dose

continua a leggere su Teleclubitalia.it