Sergio Mattarella è il nuovo Presidente della Repubblica per il secondo mandato consecutivo.

La maggioranza ha raggiunto l’intesa sul Mattarella bis e l’attuale Capo dello Stato ha dato la sua disponibilità ai capigruppo dei partiti, saliti al Colle nel pomeriggio di oggi per chiedere ufficialmente al Presidente se fosse disposto ad accettare l’incarico. Applausi in aula una volta raggiunto il quorum, pari a 505 voti.

Il giuramento del nuovo Capo dello Stato si terrà giovedì prossimo.

Sergio Mattarella nuovo Presidente della Repubblica

Sergio Mattarella è stato eletto con la votazione del pomeriggio di oggi alle 16:30. Si tratta dell’ottava votazione, dopo che, nelle precedenti occasioni, le parti politiche non sono giunte ad alcun accordo.

Nel centrodestra, Fratelli d’Italia ha dichiarato di non votare Mattarella ma che il nome proposto sarebbe stato ancora quello di Carlo Nordio. La leader Giorgia Meloni si è così espressa: “”Siamo di fronte a un’anomalia evidente. La rielezione non è vietata dalla nostra Costituzione solo in casi di emergenza reale, come può essere una guerra. Questa scelta è irrispettosa anche per il presidente uscente e per gli italiani, ai quali raccontiamo che non ci sono persone degne di andare al Quirinale. Siamo in un Parlamento in cui si preferisce barattare sette anni di presidenza della Repubblica con sette mesi di stipendio e questo non mi sembra dignitoso per la politica. Siamo fieri di essere l’unico partito entrato e uscito in questa votazione con la stessa posizione. Non mi vengano a raccontare che hanno vinto tutti: nessuno lunedì voleva il bis di Mattarella. Solo noi siamo un partito leale. E adesso bisogna rifondare da capo il centrodestra”. .

Soddisfazione da parte di Enrico Letta, leader del Pd: “La figura di Mattarella fa felici tutti gli italiani. Sono stati giorni difficili, pieni di tensioni che hanno raccontato una politica bloccata, ferma giocata tutta sui personalismi, non in grado di occuparsi delle questioni reali, concrete, di trovare soluzioni. Il nostro Paese ha bisogno di un rinnovamento politico e di regole e di entrare in una fase nuova. Basta con il trasformismo parlamentare”.

Anche Berlusconi si è espresso positivamente: “Solo lui è garanzia di unità”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it