Nel corso del consueto videomessaggio settimanale, il presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca ha affrontato anche il tema dei rifiuti. “L’Italia subisce una sanzione europea di 120.000 euro al giorno che ora viene ridotta finalmente di un terzo” ha sottolineato il governatore facendo riferimento alla multa Ue inflitta alla Campania sulla gestione di rifiuti.

“A giugno avvio nuovo impianto di Giugliano per le ecoballe”

“Finalmente abbiamo avuto una riduzione – afferma De Luca – di un terzo della sanzione europea che arriva da una prima sentenza di condanna nel 2010 e poi che nel 2015, visto che la Regione non aveva fatto niente, c’è stata la sentenza della Corte di Giustizia europea sanzionando l’Italia per 120.000 euro al giorno”. De Luca ha evidenziato che “grazie all’impegno della Regione con l’assessorato di ambiente e legislativo, risparmiamo i primi 40.000 euro per l’avvio dell’impianto di Caivano e per aver portato fuori dalla Campania un milione di tonnellate di ecoballe. A giugno puntiamo a ridurre di un altro terzo con l’avvio dell’impianto di Giugliano, prima di abolirla con nuovi impianti. E’ frutto di impegno di Regione che in questi anni ha lavorato con tenacia ossessiva per risolvere emergenze storiche della Campania su rifiuti, acque, depurazione. Lasceremo a nostri figli una Regione all’avanguardia sulla tutela del territorio”.

Il nuovo impianto sorgerà in zona Ponte Riccio, in territorio giuglianese ma al confine con Qualiano, nell’ex centrale Enel Turbogas. Nei mesi scorsi il Tar aveva già respinto il ricorso presentato dagli attivisti del comitato Kosmos e dai due comuni. La battaglia però continua ed il sindaco qualianese aveva annunciato la volontà di rivolgersi anche al Consiglio di Stato. Intanto i lavori proseguono senza sosta e, secondo l’annuncio del presidente della giunta regionale, nei prossimi mesi dovrebbe essere operativo il nuovo sito per lo “spacchettamento”  delle ecoballe.

continua a leggere su Teleclubitalia.it