omicidio riardo francesca compagnone morta

Si chiamava Francesca Compagnanone e aveva 28 anni la ragazza uccisa a colpi di fucile mentre era a letto. E’ il terribile omicidio avvenuto ” per gioco” ieri sera a Riardo, in provincia di Caserta, vicino Teano. I carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato, questa mattina all’alba, un 23enne.

Riardo, omicidio in serata: Francesca uccisa “per gioco”

Alle 5 e 30 i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Capua hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per omicidio colposo, di un ventitreenne moldavo il quale alle ore 22.30 circa di ieri, per cause corso accertamento, si è reso responsabile, attraverso l’esplosione di un colpo d’arma da fuoco, dell’omicidio di Francesca. Da una prima ricostruzione dei fatti è emerso che mentre i due si trovavano nella camera da letto dell’abitazione familiare della ragazza, l’uomo, dopo aver imbracciato un fucile semiautomatico, lasciato incustodito sul letto, avrebbe puntato l’arma “per gioco” contro la ragazza. Accidentalmente sarebbe però partito un colpo che l’ha ferita a morte.

L’arresto

Gli immediati soccorsi allertati attraverso il numero di pronto intervento “112” sono stati attivati dallo stesso autore dell’omicidio. Il personale del 118 giunto sul posto unitamente ai militari dell’Arma ha constatato la morte di Francesca Compagnone. Sul luogo, oltre all’arma del delitto, sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro due fucili con canne sovrapposte. L’arrestato è stato posto a disposizione della competente autorità giudiziaria, intervenuta sul posto. Oggi dovrebbe svolgersi, presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, l’interrogatorio di garanzia per la convalida dell’arresto. Lutto intanto in due comunità: la famiglia di Francesca, originaria di Teano, gestisce a Riardo un supermercato.

continua a leggere su Teleclubitalia.it