Napoli. Nuovi elementi emergono dalla vicenda di Tony Colombo. La rapina di cui il cantante ha parlato in un video pubblicato su Instagram, si carica di dettagli oscuri e diventa un vero e proprio giallo.

Nonostante l’artista siculo-napoletano, infatti, abbia pubblicamente smentito qualche giorno fa la natura intimidatoria del raid, specificando che si è trattato soltanto di una tentativo di rapina, agli inquirenti non è di certo sfuggita una coincidenza da “calendario”, che potrebbe rivelarsi la chiave per risolvere il caso.

Gaetano Marino, defunto boss degli Scissionisti (ucciso nel 2012), compagno di Tina Rispoli, nacque il primo novembre del 1962. Lo stesso primo novembre, dieci proiettili calibro nove sono stati fatti esplodere contro la vetrata anti-proiettile dell’ufficio. Una casualità o un modo per ricordare il ras defunto? Sul caso gli inquirenti lavorano no stop per far luce sulla matrice dell’attentato. Fin ad ora gli elementi raccolti porterebbero alla relazione tra Tony Colombo e la vedova del ras degli Scissionisti che fecero la guerra ai Di Lauro.  La relazione non sarebbe vista di buon occhio in certi ambienti di Secondigliano.

Ma rappresenterebbe, secondo un investigatore intervistato da Stylo24.it, una “ostentata mancanza di rispetto, pure per la sovraesposizione della coppia”. Sui social, intanto, Tony Colombo rassicura i suoi fan, escludendo a priori che possa trattarsi di una raid o di un tentativo di estorsione (altra ipotesi presa in considerazione dagli inquirenti). Anzi, Tony coglie la situazione per invitare tutti al suo matrimonio con Tina, che verrà celebrato a marzo.

 

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it