Napoli. Sequestrata, minacciata e picchiata ripetutamente con un bastone. Sono state le sue urla ad attirare l’attenzione dei vicini che, senza alcuna esitazione, hanno allertato i Carabinieri del nucleo Radiomobile di Napoli ed evitato così il peggio. L’aggressore, un 50enne già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato dai militari per sequestro di persona, lesioni personali aggravate, maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale.

Napoli, si barrica in casa e prende a bastonate la compagna: arrestato 50enne

La donna è stata, invece, ricoverata all’Ospedale del Mare per le numerose lesioni riportate durante l’aggressione. Per fortuna non è in pericolo di vita. L’episodio si è verificato ieri a Ponticelli, quartiere orientale di Napoli, in via Angelo Camillo De Meis.

Il 50enne si era barricato nella sua abitazione di via Angelo Camillo de Meis e aveva cominciato a colpire la compagna con un bastone. Le grida della donna hanno spinto i vicini ad allertare i carabinieri che in pochi minuti erano già sul posto.

In un primo momento i militari hanno provato a negoziare con il 50enne, invitandolo a ragionare. L’uomo però, continuava a minacciare la donna, puntandole anche un coltello alla gola, mentre parlava con i carabinieri da una piccola finestra. Ad un certo punto il 50enne ha colpito il vetro della finestra con un pugno, finendo con il braccio oltre la grata di ferro. In quell’instante i militari hanno afferrato il braccio dell’uomo e permesso alla donna di raggiunge la porta e fuggire.

I carabinieri sono poi entrati nell’appartamento e l’hanno immobilizzato. L’uomo è stato trasportato al Cardarelli per le ferite che si è procurato al braccio dopo aver frantumato il vetro. E’ ancora in ospedale, in osservazione, piantonato in attesa di giudizio.

 

 

 

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it