gaetano grossi arrestato omicidio napoli

Arrestato a distanza di un anno e mezzo dall’omicidio di Salvatore Marangio il presunto assassino. Si tratta di Gaetano Grossi, 31 anni, ritenuto indiziato dei reati di omicidio, porto abusivo d’armi e detenzione di documenti di identificazione contraffatti usati subito dopo il delitto.

Omicidio per motivi di viabilità, arrestato l’assassino

La vicenda risale all’8 agosto 2020. In piazza Volturno, tra corso Garibaldi e via Sant’Antonio Abate, Salvatore Marangio, 34 anni, si imbatte nel suo killer. Litigano per motivi di viabilità, lo scontro finisce in sparatoria.

Secondo una prima ricostruzione, Marangio, che all’epoca era ai domiciliari, avrebbe compiuto una manovra azzardata con il suo scooter impattando contro l’auto condotta da Grossi. La lite sarebbe rientrata, ma dopo qualche ora l’automobilista sarebbe tornato in piazza Volturno esplodendo diversi colpi di pistola alle spalle della vittima. Marangio, ricoverato all’ospedale San Giovanni Bosco, perderà la vita il 18 settembre per le gravi ferite riportate.

La fuga e l’arresto

Oggi la Squadra mobile di Napoli ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Napoli nell’ambito di indagini coordinate dalla Procura partenopea, nei confronti di Gaetano Grossi. Sarebbe stato lui a esplodere quei colpi di pistola. Dopo il delitto ha anche usato documenti per darsi ala fuga e soggiornare in diverse strutture alberghiere del territorio nazionale.

continua a leggere su Teleclubitalia.it