ponti rossi napoli arrestato angoelo cuim

Napoli. Moglie e marito sorpresi a nascondere droga in casa. Ieri pomeriggio, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato San Carlo Arena, hanno arrestato Angelo Cuomo, 47enne napoletano, già sottoposto agli arresti domiciliari, responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanza stupefacente.

I poliziotti hanno effettuato un controllo presso la sua abitazione, in via Ponti Rossi, trovandolo in compagnia della moglie. Alla vista dei poliziotti, entrambi hanno manifestato un evidente stato di agitazione. Atteggiamento non sfuggito all’attenzione agli agenti che hanno così deciso di effettuare una perquisizione  personale e domiciliare ai due coniugi.

In una cameretta  attigua alla camera da letto, all’interno di un mobiletto posto nei pressi della finestra, hanno trovato due involucri di plastica, utilizzati per contenere le sorprese degli  ovetti di cioccolato per bambini della Kinder e due bilancini di precisione; nel primo cassetto dello stesso mobile, hanno trovato una busta di cellophane contenente sostanza bianca in polvere, ed  infine, sul balcone della cameretta, luogo accessibile solo dall’abitazione, hanno trovato due involucri contenenti altra sostanza in polvere.

Tutta la sostanza rinvenuta, analizzata dal Gabinetto di Polizia scientifica, è risultata essere cocaina dal peso complessivo di 214 grammi. Resosi contro di essere ormai stato scoperto, il Cuomo ha tentato una rocambolesca fuga, inseguito dai poliziotti che dopo qualche centinaio di metri sono riusciti a bloccarlo, riconducendolo a casa.

Inoltre, nell’appartamento che durante il tentativo di fuga del Cuomo, è stato presidiato dagli agenti dell’Ufficio di Prevenzione Generale, è stata trovata la somma di 535.00 euro nonché una telecamerina, collegata con il televisore di casa, occultata tra i fili di uno stendino fuori al balcone. L’arrestato è stato condotto presso la casa circondariale di Poggioreale. La sostanza stupefacente rinvenuta, i bilancini di precisione, la telecamera e la somma di danaro sono stati posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

continua a leggere su Teleclubitalia.it