Sul noto social network Tik Tok era diventato una star col nickname ‘o Malese. Diversi suoi video sono diventati virali con migliaia di visualizzazioni e condivisioni. L’uomo, all’anagrafe Sabino Edificante residente ad Afragola, ora è finito in cella. Ieri pomeriggio la Polizia di Stato ha dato infatti esecuzione ad un provvedimento di esecuzione di pene concorrenti emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova nei confronti del 38enne afragolese: deve espiare la pena di 5 anni e 4 mesi di reclusione per i reati di truffa, spendita di monete falsificate e fuga a seguito di sinistro stradale con danni a persone.

Tutte le accuse nei confronti della star di Tik Tok ‘o Malese

Diverse le accuse a suo carico. Il provvedimento infatti comprende: una sentenza di condanna emessa dal Tribunale di Milano e confermata dalla Corte di Appello di Milano che ha riconosciuto il suddetto responsabile di truffa e spendita di monete, fatto risalente al 2011; due sentenze di condanna emesse dal Tribunale di Genova con le quali l’uomo è stato dichiarato colpevole, in due distinti episodi occorsi nel 2011 e nel 2018, di essersi dato alla fuga dopo aver cagionato incidenti stradali nei quali gli altri soggetti coinvolti erano rimasti feriti; una sentenza di condanna emessa dal Tribunale di Genova e confermata dalla Corte di Appello di Genova che l’ha riconosciuto autore di una truffa commessa nel 2012.

L’uomo aveva da tempo acquisito ampia notorietà sui social network, soprattutto con diversi filmati in cui mostrava grosse quantità di soldi. Edificante ufficialmente è un venditore ambulante di frutta e verdura ma in rete avrebbe pubblicato anche alcune truffe. Proprio il costante monitoraggio dei suoi profili Tok e Facebook – spiegano gli inquirenti – ha consentito, ieri pomeriggio, di visualizzare una sua “diretta” da cui si comprendeva che lo stesso fosse a bordo di una vettura nei pressi di una concessionaria di automobili di Sant’Anastasia, in provincia di Napoli. Pertanto, numerose pattuglie sono state fatte convergere nella zona. Sabino ‘o Malese è stato rintracciato a poche centinaia di metri di distanza sempre a bordo della stessa auto e, dopo un breve inseguimento, è stato bloccato sulla rampa di immissione della Strada Statale 268 in direzione di Ottaviano.

continua a leggere su Teleclubitalia.it