ordinanza de luca campania

“Totale irresponsabilità: inevitabili ulteriori misure nei prossimi giorni per il contenimento dei contagi”. Con queste parole il governatore Vincenzo De Luca lascia i cittadini campani a bocca aperta. Il dado è tratto. Con ogni probabilità il capo della giunta regionale adotterà nuove restrizioni legate a rafforzare l’ordinanza anti movida firmata qualche giorno fa in vista delle festività natalizie. La situazione sta preoccupando l’ex sindaco di Salerno. Ieri l’Unità di Crisi ha registrato 3599 nuovi positivi. Il tasso di incidenza rispetto ai tamponi effettuati è salito oltre il 6%. Oltre al fatto che la variante Omicron si diffonde in tutto il mondo. Infatti secondo alcuni studi condotti dall’Oms, nei prossimi mesi la variante sudafricana colpirà circa 3 miliardi di persone sull’intero pianeta. Vale a dire quasi il 50% della popolazione mondiale. Ma torniamo a noi.

Leggi anche >> Ordinanza Campania, De Luca: “Inevitabili nuove restrizioni: troppi irresponsabili”

In arrivo la nuova ordinanza di De Luca?

Stando alle ultime indiscrezioni trapelate dagli uffici della Regione, De Luca sta vivendo con la massima attenzione questi momenti così delicati. Chi lo conosce sa che è provato da questa battaglia a colpi di ordinanze contro il Covid. Ma allo stesso tempo è arrabbiato con quella parte di popolazione in Campania che continua a infrangere le norme anti virus. Dall’obbligo della mascherina al distanziamento sociale. Tanto per citare le regole più basilari. Oltre al fatto che continua a chiedere maggiori controlli alle forze dell’ordine (altre parole a vuoto). E quindi nelle prossime ore potrebbe firmare un’ulteriore ordinanza che vieterebbe la mobilità fra i comuni nei giorni che precederanno il capodanno. Vale a dire dal 27 al 31 dicembre. Oppure “mantenere” l’ordinanza preesistente e decidere di blindare i comuni nel periodo successivo alle festività natalizie, ovvero a partire da gennaio 2022. L’obiettivo è chiaro. Reprimere ulteriormente la diffusione del contagio evitando l’andirivieni dei cittadini per gli ultimi acquisti natalizi. Pure perché a peggiorare la situazione ci ha pensato l’allarme dell’Istituto Superiore di Sanità secondo il quale “la variante Omicron raggiungerà il picco entro metà gennaio”. Tutte notizie che obbligano i rappresentanti delle istituzioni a correre ai ripari per salvare i propri cittadini dal tunnel della pandemia.

A cura di Sossio Barra

continua a leggere su Teleclubitalia.it