alessia pifferi

Emergono nuovi dettagli su Alessia Pifferi, la madre della piccola Diana, la bimba di 18 mesi abbandonata e fatta morire di stenti. Per la donna che ora è in carcere verrà applicata la sorveglianza speciale per evitare atti di autolesionismo, ma anche l’isolamento, per impedire che altre recluse compiano un’aggressione nei suoi confronti.

L’autopsia sul corpo della piccola Diana inizierà martedì e rivelerà le cause della morte (si pensa alla fame e alla sete), ma servirà soprattutto a stabilire se Pifferi abbia dato alla bambina soltanto tachipirina, come da lei rivelato, o anche dei tranquillanti. In particolare, in casa di Pifferi è stata trovata una boccetta vuota di benzodiazepine.

Nuovi dettagli su Alessia Pifferi

Sembrerebbe estraneo ai fatti il compagno 58enne, residente a Leffe (Bergamo), con cui la relazione era ricominciata dopo una brusca interruzione a gennaio del 2021, quando Diana è nata al settimo mese di gravidanza, partorita nel bagno della casa dell’uomo (che non è però il padre della piccola). Anche su questo aspetto ci sono diversi punti oscuri: da quello che Pifferi ha detto agli investigatori, non sapeva di essere incinta, e sicuramente lo negava al compagno, che però aveva avuto dei sospetti. Mentre la madre della donna ha detto agli investigatori che sua figlia sapeva di aspettare un bambino.

E anche sull’identità del padre della bimba la Pifferi continua a mantenere il segreto. Il gip scrive che Alessia aveva una “forma di dipendenza psicologica dall’attuale compagno, che l’ha indotta ad anteporre la possibilità di mantenere una relazione con lui anche a costo dell’inflizione di enormi sofferenze alla bimba”.

Altro dettaglio emerso nelle ultime ore quello relativo al finto battesimo che Alessia avrebbe organizzato solo per ricevere regali e soldi. A raccontarlo sarebbe un’amica della donna, che parla di una festa organizzata per celebrare il primo sacramento dalla piccola, sacramento che però non avrebbe mai ricevuto Diana. Si sarebbe trattato solo di uno stratagemma per ricevere regali e buste con soldi.

Morta dopo sei giorni di abbandono: “Non camminava ancora ed era poco sviluppata”

continua a leggere su Teleclubitalia.it