Il Consiglio dei ministri ha approvato il nuovo decreto. Il dl estende l’obbligo del Green pass ad alcune categorie di lavoratori, come il personale esterno della scuola e dell’università. Per i lavoratori delle Rsa (anche esterni) viene previsto l’obbligo vaccinale.

“A breve ci sarà un intervento più ampio di estensione dell’obbligo del Green pass” Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio Mario Draghi nel corso del Consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti presenti alla riunione. Tra i ministri non si sarebbe aperto un dibattito sul tema.

Scuola

La certificazione verde sarà obbligatoria per tutti i lavoratori che entrano nelle scuole, università e Rsa. Si tratta di dipendenti delle ditte di pulizie, delle mense e chi è addetto ai lavori di manutenzione. Il green pass è già obbligatorio per gli insegnanti e gli studenti. 

Luoghi chiusi

E’ già in vigore l’obbligo del Green pass quando si accede a determinati luoghi al chiuso. 

  • servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo, al chiuso.
  •  spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi; 
  •  musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre; 
  •  piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso; 
  • sagre e fiere, convegni e congressi; 
  •  centri termali, parchi tematici e di divertimento; 
  • centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione; 
  • attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò; 
  • concorsi pubblici

Trasporti

Dal 1 settembre la certificazione verde è obbligatoria per i treni a lunga percorrenza (Tav, Intercity), autobus di aziende private, navi, traghetti e aerei. 

continua a leggere su Teleclubitalia.it