Fabio Volo, pseudonimo di Fabio Luigi Bonetti, è un attore, scrittore, conduttore radiofonico, conduttore televisivo, sceneggiatore e doppiatore italiano. Scopriamo alcune curiosità su di lui.

Fabio Volo: età

Fabio Volo è nato il 23 giugno 1972 a Calcinate, in provincia di Bergamo. Ha dunque 49 anni ed è del segno del Cancro.

Moglie

Fabio Volo è stato innamorato per anni di Johanna Maggy. Purtroppo  il loro matrimonio è finito, sconvolgendo i fan dello scrittore. Johanna Maggy è nata a Reykjavìk e si è unita in matrimonio con Fabio Volo nel 2011. I due sono entrati in crisi durante il lockdown del 2020, che li ha spinti verso la definitiva separazione. La coppia ha avuto due figli: Sebastian, 8 anni, e Gabriel, 6 anni.

Libri

Fabio Volo ha scritto numerosi libri, molti dei quali hanno avuto un enorme successo. Ecco quali sono:

  • 2001 – Esco a fare due passi, A. Mondadori.
  • 2003 – È una vita che ti aspetto, A. Mondadori.
  • 2006 – Un posto nel mondo, A. Mondadori.
  • 2007 – Il giorno in più, A. Mondadori.
  • 2009 – Il tempo che vorrei, A. Mondadori.
  • 2011 – Le prime luci del mattino, A. Mondadori.
  • 2013 – La strada verso casa, A. Mondadori.
  • 2015 – È tutta vita, A. Mondadori.
  • 2017 – Quando tutto inizia, A. Mondadori.
  • 2019 – Una gran voglia di vivere, A. Mondadori.
  • 2021 – Una vita nuova, A. Mondadori.
  • 2007 – Dall’altra parte del binario, racconti – Corriere della Sera.
  • 2008 – La mela rossa, racconti – Corriere della Sera.
  • 2011 – La mia vita, racconti – Corriere della Sera.
  • 2016 – A cosa servono i desideri, A. Mondadori.

Film

Non tutti sanno che Fabio Volo ha recitato in diversi film, tra i più celebri c’è sicuramente Manuale D’Amore di Giovanni Veronesi.

  • Casomai, regia di Alessandro D’Alatri (2002)
  • Playgirl, regia di Fabio Tagliavia (2002)
  • La febbre, regia di Alessandro D’Alatri (2005)
  • Uno su due, regia di Eugenio Cappuccio (2006)
  • Manuale d’amore 2 – Capitoli successivi, regia di Giovanni Veronesi (2007)
  • Bianco e nero, regia di Cristina Comencini (2008)
  • Matrimoni e altri disastri, regia di Nina Di Majo (2010)
  • Figli delle stelle, regia di Lucio Pellegrini (2010)
  • Niente paura, regia di Piergiorgio Gay (2010)
  • Il giorno in più, regia di Massimo Venier (2011)
  • Studio illegale, regia di Umberto Carteni (2013)
  • Un paese quasi perfetto, regia di Massimo Gaudioso (2016)
  • Genitori vs influencer, regia di Michela Andreozzi (2021)
  • Per tutta la vita, regia di Paolo Costella (2021)

Frasi

Le donne sono il fulcro dei racconti di Fabio Volo i suoi personaggi le amano immensamente e le descrivono come delle forze della natura. Ecco qui alcune frasi di Fabio Volo sulle donne.

  • Quando una donna vuole una cosa, tremano le montagne, si muovono le maree, quando una donna vuole un uomo trema l’universo intero. (Fabio Volo)
  • Dava l’idea di essere una donna che dona tutto, ma non regala niente. (Fabio Volo)
  • Mi sono seduto nella sala d’attesa. C’era una ragazza che sfogliava senza interesse una rivista. Mi piace stare in una stanza con una donna. Anche quando prendo il treno, se entro in uno scompartimento e ci trovo una donna sono più contento. E se non c’è continuo a cercare finché la trovo. Non è che poi le rivolgo la parola, o ci parlo, o ci provo per forza, anzi, ma mi piace che sia lì. Mi piace la loro compagnia anche se silenziosa e sconosciuta. Le donne sono belle da respirare. (Fabio Volo)
  • “Le donne sono come fiori: se cerchi di aprirli con la forza, i petali ti restano in mano e il fiore muore. Perché solamente con il calore si schiudono. E l’amore e la tenerezza insieme sono il sole per un donna. Avrei dovuto semplicemente amarla. Poi sarebbe stato tutto naturale. Perché una donna, quando si sente amata, si apre e dà tutto il suo mondo.”
  • Ho letto da qualche parte che il vero motivo per cui si sono estinti i dinosauri è perché nessuno li accarezzava. Bisogna sperare che l’uomo non faccia lo stesso stupido errore con le donne. (Fabio Volo)
  • Impari una cosa, ma vale solo per la persona con cui l’hai imparata. Le donne sono tutte diverse.
  • Ci ho messo un po’ per capire che è più importante che una donna sia felice che fedele. Perché una donna felice non tradisce. Una donna felice è sempre fedele. Non ha bisogno di nient’altro. Questo vale anche per l’uomo, ma per lui è più difficile perché deve lottare con l’impulso alla salvaguardia della specie
continua a leggere su Teleclubitalia.it