azzurro donna donne vittime di violenza

“Azzurro Donna” anche quest’anno, il 25 novembre, scende in campo per stare accanto alle donne vittime di violenza con una serie di iniziative per ricordare tutte quelle donne che non ce l’hanno fatta e per dare coraggio invece a chi sta ancora lottando per uscire dal vortice della violenza.

In questa giornata simbolo, “Azzurro Donna” ha deciso di aderire a due iniziative: la prima riguarda la presentazione del libro di Sonia Lippi “Chi me la fatto fare”. Storia di una donna qualunque, promossa dalla società Umanitaria Humaniter nella Biblioteca delle donne Humaniter di piazza Vanvitelli alle ore 17 del 25 novembre; la seconda iniziativa invece riguarda lo Sportello del Cuore nella città di Giugliano, dove è stato organizzato l’evento “Bella si può”.

Questa è la prima delle sedici giornate dedicate alla violenza di genere, le quali precedono il 10 dicembre, la Giornata ufficiale dei diritti umani, e dedicata alla violenza contro le donne. Istituite nel 1991 con il sostegno delle Nazioni unite, queste giornate volevano e vogliono ancora oggi promuovere un momento di riflessione collettiva e un’occasione per mobilitarsi contro violazioni di diritti umani da troppo tempo ignorati. Per questo, ha dichiarato Carla Ciccarelli, coordinatrice di Azzurro Donna Campania, noi ci siamo. Inoltre, Azzurro Donna Campania sarà presente il 27 novembre alla partita organizzata per la giornata contro la violenza allo stadio Caduti di Brera nel quartiere di Barra, organizzata da Azzurro Donna Basilicata.

“Chi me la fatto fare. Storia di una donna qualunque” è la storia della violenza che Tania, protagonista della storia, subisce da parte del suo ex partner. A presentare e discutere di storie tossiche ci saranno: Marina Melogli, direttore della Società Humanitas; Emanuela Ferrante, assessore alle Pari Opportunità di Napoli; Ferdinando Tramontano, sociologo e presidente di Vision Vittimologia. Interverranno, inoltre, Carla Ciccarelli, coordinatrice di Azzurro Donna Campania.

L’evento “Bella si può” rappresenta un momento di ascolto e di confronto tra donne vittime di violenza psicologica e fisica. In questa occasione, si ascolteranno più voci per comprendere quanto sia urgente parlare, in modo semplice e diretto, della piaga della violenza contro le donne. L’evento è stato organizzato da Carmela di Girolamo, presidente dell’organizzazione Buon Samaritano. Prenderanno parte all’evento Don Rocco Barra, l’Avv. Oscar Pisani, la Coordinatrice Regionale di Azzurro Donna Carla Ciccarelli e la Coordinatrice della Provincia di Napoli Nord Mariangela Chianese. Quest’ultima racconterà di alcune sue opere esposte nella sede sul tema delle “Ferite fisiche e morali”, che dimostrano come la violenza può essere raccontata attraverso più strumenti, non solo con le parole, ma anche e soprattutto con le immagini.

“Dobbiamo tutte noi cogliere l’occasione, in questa giornata, di riflettere sulla ancora lontana parità tra i sessi” conclude Carla Ciccarelli: “È ancora più importante, in questo periodo, in vista dei recenti sconvolgimenti avvenuti in Iran, dopo che Masha Amini è stata picchiata a morte dalla polizia per aver indossato male il velo. Dobbiamo fermarci, ora, e cercare di capire come, ancora oggi, in una società che si dice democratica e progressista, assistiamo ancora a casi di violenza e omicidio senza alcuna ragione se non quella del genere”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it