Spiagge smoke-free per un’estate all’insegna della sostenibilità e del rispetto per l’ambiente. In Italia cresce la platea di Comuni che, attraverso ordinanze, ha imposto il divieto di fumare sigarette sotto l’ombrellone.

Divieto di fumo in spiaggia: da Nord a Sud i Comuni firmano ordinanza

Le ultime ad averlo disposto sono quelle di Grossetto, Cagliari, Torvaianica e Olbia. Nel capoluogo sardo, il sindaco Truzzu ha sottoscritto il provvedimento a fine maggio. Chi trasgredisce l’ordinanza, scatta una multa abbastanza salata: si dovrà pagare infatti dai 25 a 500 euro. Per chi abbandona mozziconi, la sanzione sale: fino a 500 euro ma con un minimo che è più alto (100 euro) rispetto a quello previsto per l’atto di fumare (25 euro).

Leggi anche >> Cibo in spiaggia, Trinchillo: “Espulsione dal sindacato per gestori che perquisiscono bagnanti”

Stesso discorso anche per i cittadini di Grosseto: niente sigarette, divieto di gettare cicche con l’accortezza, però, di creare lungo il litorale zone i fumatori possano concedersi una sigaretta.

Sarà un’estate senza fumo e senza plastica nelle spiagge di Olbia. Anche quest’anno restano in vigore i divieti imposti dalle ordinanze emanate tre anni fa dal sindaco Settimo Nizzi per tutelare la salute dei cittadini e l’ambiente. Vietato fumare e abbandonare cicche nell’ambito degli 8 metri dalla battigia, in tutte le spiagge. Si potrà fumare solo nelle aree attrezzate a ospitare fumatori o, al di fuori di queste, solo se in possesso di contenitore idoneo a raccogliere rifiuti da fumo, con chiusura ermetica, che impedisca la dispersione di mozziconi nell’ambiente.

“È volontà di questa amministrazione – spiega il sindaco – perseguire la diffusione di buone pratiche a tutela della salute, nello specifico la lotta al tabagismo e la prevenzione delle malattie che ne conseguono. Inoltre, è innegabile che la dispersione dei mozziconi di sigaretta viene percepito come un evidente sintomo di degrado del tessuto ambientale e urbano”.

Le altre spiagge in cui è vietato fumare:

  1. Abruzzo: Alba Adriatica
  2. Emilia Romagna: Cervia, Cesenatico, Ravenna e Rimini.
  3. Lazio: Anzio, Ladispoli, Ponza, Sperlonga, Gaeta, Fiumicino e Torvaianica.
  4. Liguria: Arenzano, Lerici, Sanremo, Savona.
  5. Marche: Pesaro, San Benedetto del Tronto, Sirolo.
  6. Puglia: Manduria e Porto Cesareo.
  7. Sardegna: divieto in tutta la Costa Smeralda, e a Cabras, Olbia, Sassari e Stintino.
  8. Sicilia: Capaci, Lampedusa, Linosa.
  9. Veneto: Bibione, Chioggia.
continua a leggere su Teleclubitalia.it