Nel pomeriggio di ieri 16 dicembre i carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna hanno arrestato per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso Giovanni Sandomenico. Il 38enne originario di Volla è stato bloccato dai militari a Casalnuovo in flagranza di reato mentre, recatosi nei pressi di un cantiere edile di un imprenditore casertano, ha chiesto di parlare col diretto interessato.

La denuncia dell’imprenditore casertano

L’obiettivo era chiaro. Estorcere ai danni dell’imprenditore la cifra di 20mila euro. L’uomo però non ha avuto alcuna paura del 38enne ed ha denunciato immediatamente l’accaduto alle forze dell’ordine. Da quel momento i carabinieri del nucleo di Castello di Cisterna coadiuvati dai militari della tenenza locale hanno organizzato un vero e proprio blitz per arrestare Sandomenico. Una volta tratto in arresto, i carabinieri hanno perquisito l’uomo trovandolo in possesso di 4mila euro in contanti. A questo punto dopo l’operazione ai danni dell’38enne, i carabinieri indagheranno sull’effettiva provenienza del denaro contante trovato a seguito delle perquisizioni.

Resta da capire se quei 4mila euro siano anch’essi frutto di altre richieste estorsive da parte di Sandomenico ai danni di qualche altra povera vittima. Dunque la provincia di Napoli si macchia ancora una volta delle continue richieste di racket. Del resto le settimane che precedono le festività natalizie rappresentano il periodo più favorevole per avanzare estorsioni da parte di soggetti senza scrupoli nei confronti di imprenditori che vivono del proprio lavoro. Ma questa volta a fare la differenza è stato il grande coraggio dell’imprenditore casertano.

continua a leggere su Teleclubitalia.it