Il Tar della Regione Campania ha accolto il ricorso del Governo e di alcuni cittadini favorevoli alla riapertura delle scuole contro l’ordinanza di De Luca che stabiliva la chiusura lo stop alle lezioni in presenza, fino al 29 gennaio, per asili nido, elementari e medie.

Campania, TAR boccia ordinanza di De Luca. Domani si torna a scuola

Il ricorso del Governo arriva dopo le parole del ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, che aveva sostenuto che la Regione non avesse il potere di chiudere la didattica in presenza e che Palazzo Chigi avrebbe impugnato l’atto.

“Riteniamo la scelta sbagliata ed anche illegittima dal punto di vista delle norme i nostri tecnici stanno studiando il modo di impugnare questa misura”, aveva annunciato ieri l’inquilino di viale Trastevere al Tg3.

Leggi anche >> Scuole chiuse in Campania. Governo impugna ordinanza, la Regione: “Sospensione sarebbe danno irreparabile per giovani”

Nella tarda mattinata di oggi, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dell’Istruzione e il Ministero della Salute hanno presentato il ricorso, che si affianca a quello già presentato dagli avvocati napoletani Giacomo Profeta e Luca Rubinacci conto dei genitori No Dad campani. I giudici del Tribunale amministrativo regionale hanno accolto entrambi i ricorsi, sospendendo dunque l’ordinanza di De Luca. Con ogni probabilità  gli studenti campani faranno ritorno in classe da domani.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it