arresto sindaco pago veiano

Una maxi inchiesta che ha portato all’arresto di un sindaco campano, un imprenditore edile e un tecnico di fiducia dei due. L’inchiesta della Procura di Benevento è stata portata avanti su alcune gare d’appalto effettuate nel comune di Pago Veiano, poco più di 2mila abitanti a venti chilometri dal capoluogo sannita. Nei guai il sindaco del piccolo comune, Mauro De Ieso, 54 anni, riconfermato solo un anno fa alla guida dell’amministrazione comunale.

Arrestato sindaco di Pago Veiano

Gli appalti finiti nel mirino della procura sono per cinque milioni di euro, gare per la realizzazione di una nuova scuola elementare e il rifacimento di una strada provinciale. I tre finiti nei guai sono ai domiciliari per corruzione e turbata libertà dell’incanto. All’imprenditore con gare truccate sono stati aggiudicati i due lavori pubblici. L’accordo criminoso contemplava la corresponsione al sindaco e al tecnico di fiducia di un corrispettivo, per una somma non inferiore a 90mila euro. L’accordo non si concludeva neanche con l’aggiudicazione, ma proseguiva nella fase successiva, quella della impugnativa da parte del concorrente davanti al Tar, così monitorandone lo sviluppo.

Le indagini erano nate alla Procura di Santa Maria Capua Vetere, poi sono state trasmesse per competenza a Benevento e si sono servite di intercettazioni, servizi tradizionali di osservazione e acquisizione di documentali, che hanno consentito di acquisire gravi indizi in ordine all’intercessione del sindaco con i componenti delle commissioni di gara, allo stato non individuati, al fine di consentire l’aggiudicazione a società riconducibili allo stesso imprenditore dei più importanti lavori pubblici da svolgersi nel territorio comunale, con l’ausilio del tecnico di fiducia per la predisposizione della documentazione amministrativa. In particolare, l’attività di agevolazione dell’imprenditore iniziava con l’individuazione dei lavori da aggiudicare prima ancora della formale pubblicazione del bando di gara, proseguendo con la turbativa della gara e il continuo confrontarsi tra loro anche per i dettagli più trascurabili, al fine di eliminare i concorrenti.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it