Pontecagnano Faiano piange la scomparsa di Giuseppe Comodo. Il medico in servizio al 118, 68 anni, è spirato all’ospedale di Scafati, in provincia di Salerno, dov’era ricoverato per complicanze dovute al Covid-19 che, in precedenza, aveva contratto.

Campania, curava gli ammalati a casa: Il covid-19 uccide medico del 118

Comodo aveva deciso di scendere in trincea nonostante fosse in pensione già da qualche anno. Voleva contribuire alla causa dopo tanti anni di esperienza all’ospedale di Battipaglia. Andò “in missione” persino a Natale. E poco dopo s’è ammalato: il 30 dicembre è risultato positivo.

Stando a quanto si apprende, Comodo era ricoverato nel reparto di rianimazione da due settimane. Tantissimi i messaggi di cordoglio apparsi in queste ore sui social. Tra questi, quello della sua assistente Tiziana Jean Croccolo che su Facebook scrive: “Amavi il tuo lavoro e il tuo lavoro ti ha ucciso. Hai guarito sotto ai miei occhi centinaia di pazienti… non ti risparmiavi mai, li chiamavi anche tre volte al giorno senza mai tirarti indietro… hai lavorato a Natale, Capodanno, Pasqua e Ferragosto senza mai stancarti…”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it