Diana de Feo è stata una giornalista e una senatrice eletta nelle liste del Popolo della Lbertà di Silvio Berlusconi. Moglie di Emilo Fede, ex direttore Rete 4, è morta oggi, 23 giugno, a Napoli. Scopriamo alcune curiosità su di lei.

Diana de Feo: Villa Lucia

Diana de Feo è deceduta a Napoli, nella sua Villa Lucia. Si tratta di  un edificio neoclassico in stile pompeiano, situata nel quartiere Vomero.

Si erge accanto al parco della villa Floridiana, di cui nel XIX secolo fece parte e da cui oggi è separata da un muro di cinta. È oggi raggiungibile attraverso un vialetto che corre da via Cimarosa lungo la stazioncina superiore della funicolare di Chiaia.

Nel 2006 su denuncia di Italia Nostra, i vigili antiabusivismo del Comune di Napoli appongono i sigilli alla villa, scoprendo e bloccando lavori abusivi in corso e aprendo un procedimento penale nei confronti della De Feo.  Furono rilevati abusi interni ed esterni e lavori in corso senza una serie di autorizzazioni da parte della Sovrintendenza.

Diana de Feo: Emilio Fede e le figlie

La gionalista ed ex parlamentare era sposata dal 1965 con il collega Emilio Fede, da cui ha avuto due figlie, Sveva e Simona.

Origini napoletane

Nata a Torino da una famiglia di origini napoletane, era la figlia di Italo de Feo, giornalista, nonché storico, politico e capo dell’ufficio Stampa del Comitato di Liberazione Nazionale.

Carriera

Diana de Feo fu inviata speciale del Tg1 per l’arte e la cultura. Alle elezioni politiche del 2008 fu eletta senatrice nelle liste del Popolo della Libertà di Silvio Berlusconi. Su invito del Cavaliere si presentò alla elezioni politiche del 2008, candidandosi a Senato della Repubblica, in regione Campania. Fu eletta senatrice della XVI legislatura. Alle elezioni politiche del 2013 annunciò di non volersi ricandidare in Parlamento.

Malattia e causa morte

Diana de Feo si è spenta all’età di 84 anni. Da tempo combatteva contro una brutta malattia. Al momento non sono stati resi ulteriori dettagli sulle cause della sua morte.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it