Napoli. Sono stati condannati per omicidio volontario i tre malviventi che, nella notte del 27 aprile 2020, provocarono la morte dell’agente scelto Pasquale Apicella, 37 anni, il quale con i colleghi era impegnato a bloccare la loro fuga, dopo che avevano tentato di svaligiare una banca.

Napoli, morte Pasquale Apicella: arriva la condanna per i tre rapinatori

Si tratta di Fabricio Hadzovic, 41 anni, Admir Hadzovic, 28 anni, e di Igor Adzovic, 40 anni, condannati rispettivamente a 26, 18 e 18 anni di reclusione.

Giudicato con il rito abbreviato l’ultimo componente della banda, Renato Adzovic, 24 anni, già condannato a sei anni di reclusione ma per reati minori.

Per i giudici della terza Corte di Assise (presidente Lucia La Posta) i tre sono colpevoli di omicidio volontario, oltre che di tentata rapina, tentato furto, lesioni dolose e ricettazione.

Presente, in aula, Giuliana Ghidotti, la moglie di Apicella, difesa dall’avvocato Gennaro Razzino, entrata recentemente in Polizia dopo avere frequentato un corso riservato ai familiari delle vittime del dovere presso la Scuola Allievi di Caserta, e i familiari dell’agente.

continua a leggere su Teleclubitalia.it