truffa del latte giugliano

E’ giunta al consigliere Francesco Emilio Borrelli la segnalazione relativa all’autista di una nota ditta di distribuzione di latte intento a riempire alcune bottiglie con l’acqua di una fontana pubblica. L’episodio si è consumato a Giugliano, a nord di Napoli.

Giugliano, riempie di acqua latte mancante: segnalazione a Borrelli

“Consigliere – scrive il lettore -, è successo a Giugliano in Campania, questo soggetto riempie di acqua la parte di latte mancante. Gravissimo”.  La segnalazione sarebbe corredata di altre foto e video. Borrelli ha prontamento girato il materiale alla Guardia di Finanza per ulteriori approfondimenti.

E’ improbabile che l’acqua serva a riempire più confezioni di latte così da ricavarne più unità di prodotto ai fini della vendita. Le bottiglie, infatti, come fanno notare gli utenti che hanno commentato la vicenda sotto al post di Francesco Emilio Borrelli, sono sigillate al momento dell’acquisto.

Tra le ipotesi alla base di quest’insolito episodio documentato a Giugliano vi è la vendita di latte a nero: in pratica l’autista, con la complicità di qualche commerciante, venderebbe confezioni di latte fuori mercato. Poi, per scaricarlo dalla distinta di carico, “recupera” la merce venduta a nero riempiendo altre bottiglie con latte e acqua. Così rende la merce al deposito che li rimanda all’azienda madre. Attraverso questo sistema truffaldino, l’autista e il commerciante intascano i soldi del latte venduto a nero e ripuliscoscono allo stesso tempo la distinta di carico.

continua a leggere su Teleclubitalia.it