pasquale apicella condanne ergastolo

Pene durissime per i 3 rapinatori di nazionalità rom che un anno uccisero il poliziotto Pasquale Apicella. Tre ergastoli e un isolamento diurno. È questa la richiesta della Procura a carico dei tre malviventi.

Omicidio volontario, rapina, ricettazione, resistenza sono le accuse vibrate dai pm Curatoli e Battiloro, al termine di un processo in cui la moglie (difesa dal penalista Gennaro Razzino), si è costituita parte civile assieme ai genitori dell’agente ucciso.

La ricostruzione

Pasquale era in servizio con un collega quando ha tentato di sventare un furto in banca. Quando i malviventi sono stati scoperti, sono saliti in macchina e si sono dati alla fuga in direzione Napoli.

Durante l’inseguimento, all’altezza di Calata Capodichinoi ladri hanno speronato la volante della Polizia. Nell’impatto Pasquale Apicella è morto per le gravi ferite riportate. Il collega, invece, ha riportato solo lievi contusioni. Uno dei malviventi è sceso dall’auto e ha proseguito la fuga a piedi. Gli altri due, invece, sono stati bloccati.

continua a leggere su Teleclubitalia.it