nicola pirozzi giugliano

GIUGLIANO. Un lungo post per commentare le polemiche delle ultime ore a Giugliano. Il sindaco Nicola Pirozzi, dopo la nuova bufera social che ha colpito un consigliere della sua maggioranza, Salvatore Pezzella, replica con parole molto dure.

Polemiche politiche a Giugliano, parla Pirozzi

“Adesso basta. Non accettiamo lezioni da chi ha scritto le peggiori pagine della storia politica e amministrativa locale – scrive Pirozzi -. Basta strumentalizzazioni, basta fango, innanzitutto ci sia una condanna unanime alla strategia dell’anonimato; ci sia una condanna netta rispetto a chi ha messo economicamente questa città in ginocchio. E non mi riferisco alla sfera penale. Il mio giudizio è politico, la condanna di questi atti è politica. Se qualcuno in passato ha commesso reati sarà compito della Procura verificarlo. E lo stesso vale per chi amministra oggi e per chi amministrerà la città domani. Ripeto, il giudizio è politico e di contenuto. Ecco perché più che tentare di alzare polveroni in molti dovrebbero chiedere prima scusa alla città per quanto fatto e per quanto non fatto fino a qui. Per decenni. Si torni al rispetto tra le parti. Immediatamente”.

Leggi anche: Giugliano, nuova bufera social sul consigliere Pezzella: “La maggioranza chieda le dimissioni”

Ieri il consigliere del Movimento 5 stelle ha pubblicato un post che ha scatenato le reazioni di partiti ed esponenti politici. “Certo, anche determinate uscite sui social di parte della minoranza e anche di qualche consigliere della maggioranza non sono state felici – aggiunge il primo cittadino -. Ma è tutto frutto di questo tentativo di portare il confronto sulla rissa cercando di nascondere i contenuti”.

E ancora: “Vedo in giro solo tanta ipocrisia, tanta finta autorevolezza a colmare un vuoto di impegno e di contenuti per la nostra città. Ma tutti questi indignati dov’erano fino a ieri? Tutti quelli che soffiano addirittura sul disagio sociale, cosa hanno fatto per questa città quando hanno avuto la possibilità di governare? Nulla”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it