bonus 600 euro furbetti politici

Duemila tra sindaci, consiglieri regionali e comunali nel mirino per aver percepito indebitamente il bonus da 600 euro previsto per le partite IVA colpite dalla pandemia. E’ quanto ha dichiarato al Messaggero l’INPS. L’ente previdenziale sta contattando tutti quelli che hanno beneficiato del sussidio senza averne diritto.

Bonus da 600 euro, in 2mila dovranno restituirlo

I duemila beneficiari illegittimi dovranno restituire il bonus percepito a luglio in quanto titolari di partita Iva. L’INPS ha recepito così il parere dell’ufficio legislativo del ministero del Lavoro che ha definito il bonus incompatibile con i trattamenti dovuti a chi ha un mandato politico, purché continuativi. In sintensi sindaci, assessori comunali e regionali e consiglieri di Regione dovranno ridare all’Inps il denaro.

Non ci sarebbero problemi invece per i consigliere comunali, in quanto prendono solo un gettone di presenza. Secondo il ministero del Lavoro, infatti, “i gettoni di presenza non sono assimilabili alle indennità di funzione e ai compensi di natura fissa e continuativa corrisposti agli amministratori locali”. Lo scandalo è scoppiato a settembre quando l’Inps aveva richiesto un chiarimento sulla questione da parte di via Veneto, dopo che si era acceso un faro sui bonus elargiti a deputati, sindaci, assessori e consiglieri. Le procedure per la riscossione delle indennità sono state avviate proprio in questi giorni.

I furbetti apparterebbero a diversi schieramenti politici, sia di destra che di sinistra. Il quotidiano romano ricorda, ad esempio, il caso di Roberto Gravina, sindaco 5s di Campobasso, che all’epoca in cui esplose lo scandalo dei bonus anti-Covid versati ai politici si difese spiegando di aver devoluto “l’intera somma al fondo del Comune”. Il primo cittadino ora dovrà adesso dovrà restituire all’Inps l’importo dato in beneficenza. Ma la lista di politici che hanno usufruito del bonus, pur non avendone diritto, è lunga.

Leggi anche: Tutti i bonus di febbraio 2021

continua a leggere su Teleclubitalia.it